domenica,Giugno 16 2024

Reggina, società messa in mora dai calciatori: tutti i motivi

L’Assocalciatori ha notificato via pec le rimostranze dei tesserati: dagli stipendi alla mancanza di condizioni sanitarie e di sicurezza

Reggina, società messa in mora dai calciatori: tutti i motivi

Piove sul bagnato per la Reggina 1914. La situazione del club amaranto, lasciato sempre più alla deriva da Felice Saladini, precipita giorno dopo giorno. La bocciatura del TAR ha il sapore di condanna quasi definitiva per la società di via delle Industrie. Ma l’attesa del Consiglio di Stato rischia di rivelarsi un supplizio: i tesserati hanno già lasciato il Sant’Agata definitivamente è già da qualche giorno è arrivata la messa in mora da parte dell’Assocalciatori.

Imbarazzanti, oggettivamente, alcune delle motivazioni. L’Aic ha notificato via pec, infatti, il mancato pagamento degli stipendi di giugno, dei bonus relativi all’annata scorsa (corposi, visto il raggiungimento dei playoff) ma soprattutto l’assenza di condizioni di sicurezza e sanitarie palesatesi durante il ritiro al Sant’Agata di luglio. Inoltre, i giocatori hanno evidenziato la messa a disposizione di campi non idonei agli allenamenti, nonché le condizioni precarie anche dei dipendenti, privi di contratto e non pagati da mesi, come più volte avevamo annunciato su questo giornale.

Nel dettaglio, ecco tutte le mancanze elencate dalla pec inviata dall’Assocalciatori.

  •  Tutti gli istanti hanno già messo in mora, nelle forme previste dall’Accordo Collettivo AIC – LNPB – FIGC, la Società in relazione al mancato pagamento delle retribuzioni fisse e delle indennità di trasferta forfetarie, contrattualmente convenute ai sensi dell’art. 51, co. 5, D.P.R. n. 917/1986, che integrano le retribuzioni contrattuali in parte fissa dei suddetti calciatori, per il mancato pagamento della retribuzione di giugno 2023;
  • Tutti gli istanti si sono riservati, non avendo ricevuto le buste paga di giugno 2023, di formulare analoghi formali atti di messa in mora, nei confronti della Società, in relazione agli ingentissimi importi maturati individualmente a titolo di retribuzione variabile, non corrisposti con la retribuzione di giugno 2023;
  • Le sedute di allenamento sono organizzate dalla Società in assenza delle precauzioni, a tutela della salute e sicurezza dei suddetti calciatori;
  • In particolare, le sedute di allenamento si svolgono su campi da gioco inadeguati e non manutenuti, salvo interventi spontanei di alcuni dipendenti tecnici della Società, che, tuttavia, non percepiscono il loro stipendio sin dallo scorso mese di aprile 2023 e alla presenza di medico sociale, di fisioterapista e di massaggiatore, che, tuttavia, risultano non contrattualizzati;
  • Analogamente, a far data dall’inizio della preparazione della corrente stagione sportiva, nessun dirigente riferibile alla proprietà, della quale si è appreso un cambio sui mezzi di informazione, è mai comparso a spiegare l’accaduto e le prospettive contrattuali degli istanti, considerando che la mancata ammissione al campionato di Serie B comporterà la decadenza dei contratti di lavoro degli istanti;
  • Le carenti condizioni di sicurezza del lavoro, tutte facilmente documentabili, si sono spinte sino alla mancanza attuale delle più elementari risorse necessarie per lo svolgimento dell’attività sportiva;
  • Tale situazione è evidentemente occorsa, non già per scelte di ragioni tecnico sportive o per cause esterne o di forza maggiore, ma per evidenti incapacità della Società di organizzare, anche in modo basilare la prestazione degli istanti. Simile inadempimento datoriale, visto anche il suo protrarsi senza soluzione di continuità dall’inizio di luglio 2023 ad oggi, integra, pertanto, una violazione grave e contraria a quello che, nell’ordinamento sportivo professionistico è non già un generico interesse del debitore ad adempiere, bensì un diritto soggettivo del calciatore che trova quale contraltare uno specifico obbligo del datore di lavoro, come codificato dall’art. 7 del vigente Accordo Collettivo AIC – LNPB – FIGC applicabile ai rapporti di lavoro;
  • tali circostanze non appaiono il frutto di contingenze transitorie, ma si inseriscono e sono la spia di una più complessa situazione di insolvenza datoriale, aggravata dalla ben nota procedura in corso a carico della Società ai sensi del Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza.

Una macchia, l’ennesima, per la Reggina e per Reggio Calabria, dovuta alla scellerata gestione delle ultime settimane

Articoli correlati

top