lunedì,Novembre 30 2020

Raccolta rifiuti, rallentamenti ulteriori a causa dello sciopero

Proclamato lo stato di agitazione del personale Avr. Disservizi possibili fra il 6 e l'otto novembre nella città di Reggio Calabria. Garantiti i servizi minimi essenziali

Raccolta rifiuti, rallentamenti ulteriori a causa dello sciopero

Si profilano ulteriori ritardi nella raccolta dei rifiuti nella zona urbana di Reggio Calabria. La società Avr fa sapere che, in virtù dello stato di agitazione proclamato dai dipendenti di Avr, per l’intero turno di lavoro di 48 ore, dalle 5:01 di giorno 6 alle 4:59 di giorno 8 novembre 2019, potrebbero verificarsi alcuni ritardi nell’erogazione dei servizi di igiene urbana.

L’invito agli utenti è di esporre i mastelli solo se pieni, per come già previsto dall’ordinanza sindacale n. 27 del 15.06.2015. 

«Si rassicura l’utenza che saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali previsti dalla legge: A) Raccolta e trasporto dei rifiuti definiti pericolosi; Raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani ed assimilati (pertinenti a utenze scolastiche; mense pubbliche e private di enti assistenziali; ospedali – case di cura – comunità terapeutiche (compreso lo spazzamento della viabilità interna); ospizi, centri di accoglienza, orfanotrofi; stazioni ferroviarie, marittime, aeroportuali, caserme, carceri; C) Pulizia (spazzamento, raccolta rifiuti e lavaggio) dell’area mercatale, delle aree di sosta attrezzate, delle aree di grande interesse turistico museale; D) Trasporto, svuotamento dei mezzi di raccolta e trattamento negli impianti, comprese le discariche; F) Raccolta delle siringhe, nonché disinfestazione, derattizzazione e disinfezione per casi urgenti e su segnalazione dell’autorità sanitaria e per ogni altro caso che sia oggetto di ordinanza emessa da parte dell’autorità sanitaria e/o di pubblica sicurezza; G) Servizio di pronto intervento da parte delle officine per l’assistenza ai mezzi ed ai macchinari in servizio; H) Ripristino delle condizioni di sicurezza e dell’agibilità stradale a seguito di frane, nevicate, allagamenti e ostruzioni di reti fognarie; L) Altre attività eventualmente svolte dalle imprese in applicazione dell’Accordo Regioni – Enti Locali 6/7/1995, che rientrino nel campo di applicazione dell’art. 1 della Legge 146/1990.

«Resta inteso – conclude la nota – che lo sforzo organizzativo sarà massimo al fine di contenere i disagi a carico della collettività. Eventuali ritardi nella raccolta saranno recuperati gradualmente e nel minor tempo possibile».

Ulteriori informazioni possono essere reperite all’indirizzo e-mail [email protected], al numero verde 800.759.650oppure consultando la pagina facebook DifferenziAMOla Reggio Calabriae l’App DifferenziAPP.