venerdì,Luglio 19 2024

Eyphemos, Tribunale di Palmi assolve il commercialista Cuppari

Al professionista di Sant’Eufemia d’Aspromonte era contestata anche l’associazione mafiosa. I legali Luppino e Tripodi: «Mai oltrepassato i limiti del mandato»

Eyphemos, Tribunale di Palmi assolve il commercialista Cuppari

Gregorio Cuppari, 54 anni, di Sant’Eufemia d’Aspromonte, «non è il “consigliori” della ‘ndrangheta».

Il Tribunale di Palmi (Bandiera presidente, Iazzetti e Manfredonia a latere) ha assolto con formula piena il commercialista, difeso dagli avvocati Domenico Tripodi e Luigi Luppino. All’esito della camera di consiglio il Tribunale ha pronunciato, infatti, sentenza assolutoria nei confronti di Cuppari per tutti i capi di imputazione allo stesso contestati: concorso esterno in associazione mafiosa e concorso in trasferimento fraudolento di valori (art.512 bis c.p.).

L’operazione Eyphemos è stata curata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di P.S. di Palmi, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, ed aveva portato all’arresto di 65 persone, di cui 53 in carcere e 12 agli arresti domiciliari tra i quali anche Cuppari. La Procura distrettuale antimafia aveva chiesto la condanna a tre anni di reclusione.

«Nel corso della lunga istruttoria dibattimentale – si legge in una nota dei legali del commercialista – si è fatto emergere con chiarezza che la sua attività non ha mai oltrepassato i limiti del mandato professionale. E’ stata una sentenza perfettamente corrispondente ai risultati di prova acquisiti nel corso del processo che ridà la meritata dignità ad un serio professionista».

Articoli correlati

top