martedì,Giugno 25 2024

Gotha, quello di Alberto Sarra “un percorso politico mafioso lungo un ventennio”

La motivazione della sentenza lo vede condannato a 13 anni di reclusione durissimo il giudizio sull'ex politico

Gotha, quello di Alberto Sarra “un percorso politico mafioso lungo un ventennio”

Secondo quanto si apprende da laCNews24 a firma di Vincenzo Imperitura, Alberto Sarra, nelle motivazioni della sentenza che lo vede condannato a 13 anni di reclusione, durissimo il giudizio sull’ex politico. Si tratta di “un percorso politico mafioso lungo quasi un ventennio che può essere diviso in due fasi: una, che i giudici fanno partire dal 1992, trascorsa da “battitore libero” in aperto contrasto con l’altro “enfant prodige” della politica reggina, Giuseppe Scopelliti. L’altra, sotto le direttive di Paolo Romeo e Giuseppe Valentino, passata a braccetto con l’ex governatore, di cui diventa, dalle elezioni comunali del 2002 in avanti, grande elettore e prezioso alleato”.

Entrambe queste fasi, scrivono i giudici nelle motivazioni del processo “Gotha”, sono caratterizzate dal continuo ricorso, da parte di Sarra, ai bacini elettorali garantiti dalle cosche della provincia: un comportamento che di fatto aveva reso lo stesso Sarra «espressione soggettiva della ‘ndrangheta, collaudato collettore di voti per sé e per gli altri candidati, trasponder tra la classe politica e la criminalità organizzata dei tre mandamenti, ai quali offriva costantemente disponibilità a raccordare gli interessi privati della criminalità con l’azione degli enti pubblici».

Quella di Alberto Sarra è una carriera politica fatta di continue vittorie e qualche passo falso prontamente recuperato. Vittorie, stabiliscono i giudici, maturate grazie all’appoggio continuo dei clan a cui lo stesso Sarra avrebbe aperto le porte della pubblica amministrazione dall’alto delle posizioni di governo e di potere ricoperte nel tempo.

Continua a leggere su LaCnews24

Articoli correlati

top