lunedì,Maggio 20 2024

Rifiuti spacciati per fertilizzanti, indagati il patron del Cosenza e un manager della Regione

Plastica, vetro e metalli pesanti sarebbero finiti sui terreni agricoli delle province di Vibo, Catanzaro e Reggio

Rifiuti spacciati per fertilizzanti, indagati il patron del Cosenza e un manager della Regione

di Antonio Alizzi e Pablo Petrasso – Ci sono anche il patron del Cosenza Calcio Eugenio Guarascio e sua sorella Ortenzia tra gli indagati nell’inchiesta della Procura di Vibo Valentia, guidata da Camillo Falvo, che prova a far luce sullo smaltimento illecito di tonnellate di prodotti qualificati come fertilizzante, ma costituiti in realtà, secondo l’accusa. da rifiuto smaltito illecitamente sui terreni agricoli delle province di Vibo Valentia, Catanzaro e Reggio Calabria. 

Tra gli indagati anche Gianfranco Comito, manager del settore Ambiente della Regione Calabria in passato anche consigliere comunale a Vibo Valentia. Sono in totale undici le persone raggiunte da un avviso di garanzia. Nel mirino delle attività dei carabinieri dall’Aliquota operativa del Nor di Serra San Bruno che hanno operato assieme al Nipaaf dei carabinieri forestali di Vibo Valentia anche tre società: la Eco Call spa (con stabilimento a Vazzano, nel Vibonese) ed Ecologia Oggi, entrambe rappresentate da Ortenzia Guarascio, e 4EL Group.

Gli altri indagati sono Maria Carmela Amato, 46 anni, di Cosenza; Giuseppe Antonio Caruso, 31 anni, di Lamezia Terme; Francesco Currado, 70 anni, di Curinga; Rosario Fruci, 50 anni, di Lamezia Terme; Alessandro Giardiello, 53 anni, di Castrolibero; Vincenzo De Matteis, 51 anni, di San Fili; Franco Dario Giuliano, 58 anni, di Ricadi; Nicola Anselmo Ociello, 57 anni, di Vibo Valentia.
Continua a leggere su LaCnews24.

top