venerdì,Febbraio 3 2023

Palmi, Fratelli d’Italia si confronta sulla crisi energetica

Le prospettive di una via d’uscita discusse in un incontro con l’economista Nino Galloni. Chiesto un impegno forte per le fonti rinnovabili

Palmi, Fratelli d’Italia si confronta sulla crisi energetica

Nella provincia di Reggio Calabria si è svolta a Palmi la prima iniziativa di partito dopo le recenti elezioni. A farsene promotore è stato il circolo cittadino di Fratelli d’Italia, grazie all’impegno del commissario Saverio Gioffrè, che ha voluto con sé anche il dirigente provinciale Marco Cascarano nonché Germano Ventura e Emiliano Pezzani, rispettivamente responsabile provinciale dei dipartimenti Ambiente e Lavoro. Fra gli altri, ospite del confronto dal tema “Crisi energetica o crisi geopolitica? Prospettive per una via d’uscita”, è stato l’economista Nino Galloni.

«Anche prima della guerra – ha detto quest’ultimo – eravamo di fronte ad una crisi di costi, che ovviamente il conflitto ha aggravato. Un po’ tutti, compresi l’Ue, Francia e Germania in testa, dovrebbero mettersi la mano sulla coscienza per non aver fatto nulla, dal 2014 in poi, per evitare un conflitto che oggi ha significati che vanno oltre lo scontro sull’Ucraina».

Per Galloni il limite dell’Italia è quello di aver avuto sempre governi instabili, che non hanno favorito il varo e il rispetto di un Piano energetico nazionale, ragioni che hanno spinto Ventura ha ricordare «il ritardo che il Paese ha accumulato rispetto al necessario sviluppo di energia alternativa da fonti rinnovabili, che ora tocca anche agli enti locali recuperare dando convinta attuazione al decreto Semplificazione». Per Cascarano e Gioffrè l’iniziativa di Palmi rientra «pienamente fra quelle con cui il partito valorizza la militanza, ovvero quel modo stare in campo investendo nella partecipazione, perché Fratelli d’Italia non sta con il popolo solo in campagna elettorale».

Articoli correlati

top