martedì,Dicembre 6 2022

Reggio, ancora fermi i lavori al centro polifunzionale di San Giovannello – VIDEO

L'impianto non è stato completato. Qualche tempo fa l'amministrazione ha rescisso il contratto con l'azienda che si occupava dei lavori

Reggio, ancora fermi i lavori al centro polifunzionale di San Giovannello – VIDEO

Un’opera imponente che andrebbe a impreziosire uno dei quartieri di Reggio. Nella palestra di San Giovanello i lavori sono ancora bloccati. Una struttura che già, solo a guardarla, appare in tutta la sua imponenza. Si tratta di un impianto polifunzionale per gli sport indoor omologati dal Coni (basket, pallavolo, calcetto, calcio a 5, pallamano), con una gradinata con quasi 500 posti a sedere e un edificio adibito ai servizi privo di barriere architettoniche.

Dopo un iter burrascoso solo nel 2019 si arriva all’approvazione del progetto esecutivo per il completamento dell’impianto sportivo, affidato nell’ottobre 2020. I lavori tuttavia, complice anche il Covid, riprendono successivamente.

Il capogruppo di Forza Italia al Comune, Federico Milia chiarisce: «Dal 2016 abbiamo sentito dire dall’ammnistrazione che la palestra verrà aperta. Lo stato della struttura è sotto gli occhi di tutti, si trova in via Cardinale Portanova, in un quartiere che, a seguito della qualificazione, veva trovat nuova vita. Si aspettava questa struttura per dare un senso di riscatto, agli abitanti e alla città, di rivalutazione dei quartieri periferici dell’area urbana. Ma non è stato così».

Come aggiunge Antonio Caridi, consigliere di Forza Italia: «Le immagini mostrano che il cantiere è abbandonato da tempo. Il problema, come ci ha riferito il responsabile dell’impresa, il problema è la revisione dei prezzi chiesta all’amministrazione e il fatto che non è mai stato pagato il saldo in modo da proseguire i lavori. Da qui l’abbandono del cantiere. Chiediamo all’amministrazione di dare un segnale per le periferie ultimando questa palestra».

Il caso di San Giovannello è stato portato come esempio, in consiglio comunale, dal sindaco facente funzioni, Paolo Brunetti. Una situazione in cui le richieste esose da parte della ditta hanno portato alla decisione di chiedere la rescissione del contratto.

Articoli correlati

top