venerdì,Maggio 24 2024

Ponte sullo Stretto, Auddino (M5S): «Conte a Villa per ribadire la nostra contrarietà all’opera»

L'incontro alla variante (incompiuta) di Cannitello

Ponte sullo Stretto, Auddino (M5S): «Conte a Villa per ribadire la nostra contrarietà all’opera»

Ieri pomeriggio, dopo la visita a Vibo Valentia e prima di giungere a Messina, il presidente del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte, accompagnato dal coordinatore pentastellato della provincia di Reggio Calabria Giuseppe Fabio Auddino, ha fatto tappa a Villa San Giovanni per toccare con mano le ferite che il progetto del Ponte sullo Stretto ha già lasciato sulla sponda calabrese, come la variante ferroviaria di Cannitello mai portata a termine, pensata nel lontano 2011 per far spazio ad un pilone mai costruito che da 13 anni è destinata ad essere l’ennesima eterna incompiuta.
«Oltre a incontrare i residenti di Messina era doveroso e importante rendersi conto della situazione anche sul lato calabrese – ha detto Conte – con il coordinatore Auddino e la sindaca di Villa San Giovanni Caminiti, ho voluto vedere di persona questo ecomostro rimasto lì come una ferita aperta, frutto di promesse sul Ponte vecchie di anni».
«Un’opera – ha aggiunto l’ex senatore Auddino – che ha già causato profonde cicatrici ancora aperte nella città come la variante di Cannitello e che rischia di causarne molte altre qualora dovessero iniziare gli espropri e i lavori di sbancamento.
Ma, soprattutto, un’infrastruttura che non risponde alle priorità del mio territorio ed alle carenze endemiche della Calabria in tema di trasporti e viabilità. Enormi risorse economiche che dovranno essere impiegate diversamente e ad esclusivo vantaggio del territorio.
Ringrazio il presidente Conte, per la sua presenza a Villa San Giovanni ed il suo reale interessamento alla causa».

Articoli correlati

top