giovedì,Dicembre 3 2020

L’ospedale di Scilla cade a pezzi in attesa degli 8 milioni spariti nel nulla

Un cantiere aperto, personale ridotto all'osso e tante domande senza risposte. Ecco in che situazione verte l'ex nosocomio

L’ospedale di Scilla cade a pezzi in attesa degli 8 milioni spariti nel nulla

Immagini che lasciano l’amaro in bocca per una struttura immensa che, con i finanziamenti già stanziati, poteva rappresentare un centro nevralgico per tutti i comuni della Costaviola.

Ma la lunga saga dello Scillesi d’America non sembra avere un lieto fine. A scilla quello che rimane della Casa della Salute, in attesa ancora di una totale riconversione, è sotto gli occhi di tutti. Una struttura imponente abbandonata che, in assenza di interventi mirati sta lentamente collassando su se stessa.

La domanda che ancora oggi utenti e cittadini si domandano, senza avere mai una risposta, è che fine abbiano fatto gli 8 milioni destinati alla struttura. A documentare lo stato di degrado in cui versa la struttura è stato Giovanni Luca Bellantoni che, dopo essersi fatto promotore di una raccolta firme per salvare il nosocomio, oggi si rammarica nel documentare lo stato di abbandono .

«Ex Ospedale “Scillesi D’America”. Oggi “Casa della Salute” finanziata con 8 Milioni di €uro nel 2017 per ristrutturarla e rendere pienamente operativi i Servizi. Ad oggi la fu magnifica struttura è così, un rudere pericolante, personale ridotto all’osso, servizi incostanti, file interminabili al caldo torrido, sostenuto per fortuna dal Volontariato. Dimenticato dalla politica che lo usa solo come spot elettorale. Dove sono finiti i finanziamenti? Perché non sono applicate le Delibere per potenziare il personale?».

Tutte domande che continuano a riproporsi nel tempo. Ma adesso che Scilla si prepara al voto, probabilmente i riflettori saranno nuovamente puntati sull’ex ospedale.