venerdì,Maggio 24 2024

Covid, nella provincia di Reggio Calabria restano aperti 8 centri vaccinali

Una scelta che va controcorrente ma che mira a impattare il diffondersi del virus

Covid, nella provincia di Reggio Calabria restano aperti 8 centri vaccinali

Mentre in Italia si continua a parlare di vaccino anticovid, di richiami e dosi per proteggere la popolazione da un virus che ancora preoccupa, la Calabria ha chiuso i centri vaccinali dopo i tagli del Governo. 

Ma a Reggio Calabria a chiudere è stato solo il centro vaccinale allestito al Grande Ospedale Metropolitano. Il Gom, infatti, considerando la scarsa adesione, ha deciso di lasciare alle realtà sanitarie del territorio il compito di portare avanti la campagna vaccinale ridistribuendo nei reparti le risorse impiegate. 

Ma nonostante le risorse venute meno, che in questi anni di emergenza hanno coperto i costi anche del personale dedicato, alle regioni è stata data autonomia nello scegliere se continuare le attività dei centri vaccinali a proprie spese.

E se già dai primi di gennaio la Calabria ha visto dismettere i centri vaccinali di tutta la regione per «l’impossibilità di reclutare direttamente personale dedicato», a Reggio l’azienda ospedaliera provinciale ha continuato a mantenere attivi 8 centri vaccinali distribuiti in tutta la provincia.

Dal centrale a Palazzo Campanella al Polo sud in Via Padova, per coprire Reggio città. Per poi passare alla provincia con l’ospedale di Gioia Tauro che coprirà la piana insieme all’hub vaccinale di Taurianova. E ancora la Locride con la casa della salute di Siderno.

Una scelta che va controcorrente ma che mira a impattare il diffondersi del virus che è tornato nuovamente a far registrare numeri importanti.

Articoli correlati

top