giovedì,Gennaio 27 2022

Coronavirus e disabilità a Reggio Calabria, Crea: «Serve un confronto con Regione protezione civile»

Il presidente Angsa sottolinea, inoltre, la necessità di dispositivi di protezione individuale e dispositivi medici monouso per le persone colpite da patologie croniche

Coronavirus e disabilità a Reggio Calabria, Crea: «Serve un confronto con Regione protezione civile»

«L’emergenza sanitaria in corso rende particolarmente esposte e vulnerabili le persone con disabilità». A sottolinearlo è Vito Crea, presidente Angsa di Reggio Calabria per delega di Giovanni Marino Presidente Angsa Calabria.

«In base alle segnalazioni che stiamo ricevendo, molte persone con disabilità o comunque immunodepresse non possono fare a meno di ricevere al proprio domicilio prestazioni sanitarie e assistenziali o di ricevere aiuto materiale dall’esterno. Maggiori sono anche le difficoltà di rendersi autosufficienti e di approvvigionarsi autonomamente di quanto occorra.

Emerge quindi un pressante bisogno di dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti), che può sfuggire al monitoraggio delle autorità sanitarie. Non meno pressante è anche il bisogno di persone con patologie croniche, di ricevere presso il proprio domicilio i dispositivi medici monouso loro necessari. Come Voi tutti sapete la distribuzione dei DPI è coordinata dalle autorità sanitarie delle Regioni con le strutture regionali della Protezione Civile.

Vi chiediamo quindi di coordinarci al fine di costruire un canale di informazione e confronto con la Regione e Protezione civile manifestando sin da ora una nostra disponibilità a collaborare in tal senso,come Angsa Calabria con le sue 5 Sezioni territoriali».

top