lunedì,Novembre 30 2020

Coronavirus, l’ambito territoriale di Locri avvia un progetto di supporto psicologico

Lo sportello di ascolto aperto a tutti i cittadini e gestito direttamente da psicologi e psicoterapeuti

Coronavirus, l’ambito territoriale di Locri avvia un progetto di supporto psicologico

Nell’ottica di aiutare le persone ad affrontare questo difficile momento, limitando l’impatto psicologico dovuto al Covid-19, l’Ambito Territoriale di Locri ha avviato uno sportello di ascolto psicologico per tutti cittadini residenti nei comuni dell’Ambito, gestito direttamente dalle psicologhe-psicoterapeute dott.sse Vittoria Vardè, Ilenia Voce, Maria Rita Trifirò.

Il primo contatto sarà di tipo telefonico, atto a delineare la tipologia di aiuto da sostenere successivamente; si risponderà alle chiamate dei cittadini che vivono questo periodo con ansia a preoccupazione, in modo particolare ai ragazzi che si trovano privati dalle loro rete relazionali e attanagliati dalla preoccupazione di poter contrarre il virus, nonché degli adulti che vivono la precarietà economica oltre che della salute.

Successivamente, una volta registrato l’utente, lo stesso verrà inserito all’interno di un percorso basato su colloqui di gruppo o individuali, a seconda delle specifiche situazioni analizzate.

Si è rilevato come l’esposizione ad eventi critici può determinare diverse conseguenze psicologiche come disturbo post traumatico da stress, disturbi d’ansia, depressione.

Per questi motivi, gli obiettivi del progetto, innovativo ed unico nel suo genere, sono:

  • Contrastare l’isolamento sociale;
  • Promuovere l’elaborazione dei vissuti emotivi;
  • Favorire la gestione dello stress.

Il progetto, ideato dalle psicologhe, è stato sostenuto dall’Assessore Domenica Bumbaca, referenti comunale nei rapporti con l’Ambito di Locri, insieme alla Coordinatrice Antonietta Dominello, la quale ha dichiarato: «L’emergenza Coronavirus ha aggiunto ulteriore complessità al nostro mondo già complesso. Le persone continuano ad affrontare le loro difficoltà quotidiane in ambito finanziario, lavorativo, familiare e relazionale, generando spesso in loro ansia e sofferenza. Oltre a tutto questo, si sono trovate ad affrontare anche la minaccia del Coronavirus, che ha cambiato in modo significativo la modalità con cui conducevano e organizzavano le loro vite. Da questi principi è nata la necessità di sviluppare uno sportello con aiuto psicologico concreto».

Soddisfazione da parte del Sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, Presidente dell’Ambito Territoriale di Locri: «Grazie a Domenica Bumbaca, ad Antonietta Dominello e Antonio Marra per l’avvio in breve tempo di questo prestigioso progetto, unico nel suo genere, realizzato in seguito ad uno screening preciso del territorio, ma soprattutto in seguito a verifica della mancanza di questo tipo di supporto anche a livello internazionale, secondo quanto stabilito da un recente studio dell’Università di Padova. Posso con soddisfazione sostenere che l’Ambito di Locri ha messo in atto un progetto innovativo e di caratura internazionale, garantendo attenzione ed assistenza sia verso il territorio sia nei confronti di tutte le persone fragili che, a causa del maledetto virus, si trovano a vivere condizioni di difficoltà ancora maggiori, sotto tutti i punti di vista. A queste persone rivolgo il mio appello diretto. Noi siamo qua. Il servizio è gratuito, rivolto a tutti, dai più giovani agli adulti. Le nostre psicologhe, che ringrazio di cuore per l’impegno e la disponibilità, sono al vostro servizio per aiutarvi a superare le paure e le incertezze che si sono potute generare in questi difficili mesi».