lunedì,Aprile 15 2024

Giornata Autismo, Siclari: «Occorre una maggiore collaborazione tra gli enti per la messa in atto di progetti e servizi»

L'intervento del garante dei Diritti delle Persone con Disabilità della regione Calabria

Giornata Autismo, Siclari: «Occorre una maggiore collaborazione tra gli enti per la messa in atto di progetti e servizi»

«Non basta una giornata per allontanare lo “spettro”, ma serve una giornata per sentirci più vicini a chi in quello spettro ci vive, gioca e cresce. Serve a farci avvertire maggiore consapevolezza e quel senso di responsabilità utile al coinvolgimento dell’intera società in progetti e percorsi che portino chi soffre del disturbo del neuro sviluppo a sentirsi persone come tutte le altre. È per questi motivi che il 2 aprile del 2007 l’Assemblea Generale dell’Onu ha indetto la giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, per richiamare l’attenzione sui diritti delle persone che ricadono nello spettro autistico». È quanto dichiara in una nota il garante dei Diritti delle Persone con Disabilità della regione Calabria, Ernesto Siclari.

«Negli ultimi anni è aumentata la percentuale dei bambini che presentano questo disturbo e ciò sottolinea la necessità di interventi di politica sanitaria, educativa e sociale utili a incrementare i servizi e le attività di supporto alle famiglie e alle associazioni. Gli interventi hanno come finalità la tutela della salute, il miglioramento delle condizioni di vita e l’inserimento nella società delle persone col disturbo.

La Regione Calabria negli ultimi anni ha dimostrato di avere a cuore queste finalità e in collaborazione con le associazioni e con i familiari delle persone autistiche ha operato per realizzare iniziative specifiche volte a dare vita a percorsi di inclusività lavorativa e a trattamenti necessari a garantire progetti di vita autonoma e indipendente. Abbiamo investito importanti risorse, realizzando progetti capaci sulla carta di mettere la nostra regione in linea con le altre, con l’obiettivo di rafforzare i servizi e pianificare un miglioramento sensibile della qualità della vita dei soggetti più fragili.

Tuttavia l’attuazione e la realizzazione concreta di progetti validi all’effettiva erogazione dei servizi non appaiono omogenee lungo il territorio regionale, poiché non tutte le strutture sociosanitarie preposte hanno operato con le stesse tempistiche e modalità alla conversione in atti concreti a favore dei soggetti autistici e, dunque, non tutti i comprensori risultano coperti dai servizi previsti dalla normativa.

Serve uno sforzo ulteriore, una maggiore forma di collaborazione e sinergia tra gli enti che operano alla messa in atto di progetti e servizi, ma serve anche un coinvolgimento emotivo e funzionale alle strategie di condivisione, una presa d’atto reale della condizione di chi vive dentro quel “guscio ovattato” e che non può essere lasciato solo.

Se non si opera nel profondo della coscienza sociale, sensibilizzando la comunità ai problemi che gravano in generale sulle persone con disabilità, l’Italia e la nostra Calabria resteranno sempre ad avere svolto solo la metà del compito. Infatti, la parola nemica e da combattere è l’isolamento in cui ancora oggi si ritrovano le persone autistiche e le loro famiglie e ciò connota negativamente la nostra comunità e molto ancora si deve fare per spingere alla collaborazione e all’accettazione delle persone neuro divergenti.

Dunque, puntiamo pure i riflettori oggi su questa particolare disabilità su cui la scienza dovrà dirci ancora tanto, ma non facciamolo solo per questo 2 aprile, perché illuminare di blu (il colore dell’autismo) i principali monumenti delle nostre città serve a poco se già da domani i riflettori della nostra attenzione saranno di nuovo spenti e quello “spettro” si ritroverà di nuovo nella penombra di una fredda indifferenza». Così conclude il garante dei Diritti delle Persone con Disabilità della regione Calabria, Ernesto Siclari.

Articoli correlati

top