martedì,Aprile 23 2024

Reggio, il grande miracolo di San Francesco da Paola: da Catona “s’imbarcò” sul suo mantello verso la Sicilia

Ricorrono quest'anno (1464-2024) i 560 anni del prodigioso attraversamento dello Stretto del Santo. La parrocchia della zona costiera reggina celebra oggi il patrono della Calabria e protettore della gente di mare

Reggio, il grande miracolo di San Francesco da Paola: da Catona “s’imbarcò” sul suo mantello verso la Sicilia

«Avvolti dalla grande gioia pasquale di Gesù che muore e risorge per tutta l’umanità, oggi ricorre il giorno in cui il nostro Santo patrono San Francesco Da Paola lasciava questo mondo. Lo lasciava ricongiungersi definitivamente al Signore, che aveva amato, annunciato, testimoniato. Lo ha fatto lasciandoci come sua eredità spirituale il monito a vivere in continua conversione».

È quanto comunica sui social, la parrocchia di San Francesco da Paola di Catona, periferia nord di Reggio. Il messaggio commemora la giornata in cui si celebra il Santo protettore della Calabria e della gente di Mare. Nato a Paola, attuale provincia di Cosenza, il 27 marzo del 1416 , egli morì in Francia nel 1507 proprio il 2 aprile, al secolo venerdì Santo. In questo giorno la Chiesa cattolica ne celebra il ricordo.

Il programma delle celebrazioni a Catona

Dopo la celebrazione Eucaristica e il Santo rosario celebrati questa mattina, nel pomeriggio avrà luogo alle 16.45 nuovamente il Santo rosario seguito dai vespri e dalla celebrazione del Pio transito di San francesco, con la lettura del racconto della sua morte. Concluderà le celebrazioni alle ore 18 la solenne celebrazione eucaristica celebrata da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo emerito dell’arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova.

La storia del Santo patrono calabrese si lega profondamente a Reggio Calabria, e in particolare alla comunità di Catona, per quanto avvenuto il 3 (secondo altre fonti il 4) aprile dell’anno 1464. Il grande santo taumaturgo, in viaggio verso Milazzo, fece una breve sosta proprio a Catona prima di intraprendere il viaggio verso Messina e la Sicilia. Una tappa, avvenuta su invito dei due magistrati Angelo Camarda e Giovanni Villani che si erano interessati per fare costruire un convento, che segnò anche l’inizio del legame con i frati Minimi e Reggio Calabria. È quanto riporta monsignor Perrimezzi, Minimo che fu vescovo di Ravello, Scala e Oppido, nella sua opera “La vita di san Francesco di Paola fondatore dell’Ordine de’ Minimi”.

Tra le iconografie più note del Santo, infatti, vi è proprio quella del prodigioso attraversamento dello Stretto, miracolo profondamente legato al mare. Con il saio, un bastone in mano ed una barba bianca fluente, San Francesco da Paola attraversò lo Stretto tra Reggio e Messina. Lo fece sul suo mantello e una vela sostenuta dallo stesso bastone, in compagnia di due confratelli.

La devozione

Eremita, fondatore dell’Ordine dei Minimi in Calabria, celebre taumaturgo, visse una vita di fervida preghiera. Patrono di Calabria e Sicilia, oggi piene di luoghi in cui fiorirono i suoi eremitaggi, ma anche del Regno delle Due Sicilie e compatrono di Napoli. San Francesco da Paola è invocato contro gli incendi, la sterilità e le epidemie, a lui si affidano naviganti, bagnini di salvataggio, gente di mare e pescatori, eremiti. Le sue commemorazioni sono anche occasioni di preghiera per tutti i caduti in mare, pescatori e naviganti. Nel 1943, Pio XII lo proclamò Patrono anche della gente di mare.

Tra le comunità che a lui si affidano, oltre Paola, vi sono anche Polistena, Paterno Calabro, Spezzano della Sila, Terranova da Sibari, Corigliano Calabro. E ancora Marina Grande di Scilla, Catona di Reggio Calabria e Sambiase di Lamezia Terme. Parte delle sue reliquie sono conservate presso il Santuario, meta di pellegrinaggi da tutto il mondo, nel comune natio di Paola.

La vita e i prodigi

Chiamato Francesco per l’affidamento a San Francesco D’Assisi dei genitori che lo concepirono dopo tanti anni di matrimonio, trascorse da piccolo un anno in un convento di Frati Minori a San Marco Argentano, a nord di Cosenza, dove già manifestò i prodigi di cui era capace.

Tornato a Paola, con i genitori intraprese un pellegrinaggio fino ad Assisi. Passando per Montecassino, Loreto, Monte Luco presso Spoleto e Roma, l’eremitaggio lo folgorò al punto che rientrando in Calabria, in un piccolo campo di proprietà paterna condusse una vita di penitenza e preghiera. La sua esperienza nel tempo attirò altri giovani dando inizio alla storia del gruppo degli Eremiti di fra Francesco. Prima ospitati in alcune celle da lui costruite e poi in una chiesetta con un chiostro.

Fu l’inizio di un cammino di grande Fede, scandita da sorprendenti prodigi come la sopravvivenza al fuoco di una fornace da riparare e le numerose e miracolose guarigioni di infermi. Pieno di devozione ma indifferente alla soggezione ai potenti, che sfidava apertamente denunciando le ingiustizie e le oppressioni di cui si macchiavano costantemente, Francesco da Paola ebbe una fama che si diffondeva rapidamente. Fu, infatti, presto, invitato a fondare un convento anche a Milazzo, in Sicilia.

Il miracoloso attraversamento dello Stretto

Con due confratelli si mise in viaggio, spingendosi a Sud della Calabria e raggiungendo la sponda reggina di Catona, In quel corno d’Ausonia che s’imborga”, cantato da Dante Alighieri nel canto VIII del Paradiso. Qui chiese a un pescatore di accompagnarlo ma costui rifiutò per l’assenza di compenso, pentendosene in seguito. Francesco, allora, fece del suo mantello una barca e del suo bastone una vela. Così attraversò lo Stretto, davanti a testimoni oculari assolutamente sbalorditi. Tra loro lo stesso pescatore. Un miracoloso attraversamento, avvenuto il 3 o il 4 aprile 1464, presente nella memoria della stessa comunità di Catona che ha eretto un monumento dedicato a quel miracolo.

Il viaggio in Francia

Inviato fino in Francia per intervenire sulle gravi condizioni di salute del re Luigi XI, nonostante le suppliche di quest’ultimo e le preghiere e le penitenze del Santo, il monarca non sopravvisse. Guidato dallo stesso Francesco al pentimento, il re ricevette i sacramenti preparandosi alla morte. Il Santo rimase in Francia dove mise a punto le Regole dell’Ordine dei Minimi e nel Castello di Plessis-lez-Tours, nel comune di La Riche nella Valle della Loira, si spense il 2 aprile 1507, in un venerdì Santo durante la Passione di Cristo. Fu beatificato nel 1513 da papa Leone X e da lui stesso proclamato Santo nel 1519. Papa Giovanni XXXIII, con il breve Lumen Calabriae, nel 1962 lo ha proclamato Patrono della regione Calabria.

Articoli correlati

top