mercoledì,Febbraio 28 2024

Reggina, dentro o fuori: ultimo giorno per la cessione, ma zero segnali

La trattativa è avvolta nel silenzio e il tempo è pochissimo. Senza colpi di scena si andrà con Ilari al Consiglio di Stato

Reggina, dentro o fuori: ultimo giorno per la cessione, ma zero segnali

Per la Reggina sono state 24 ore senza sostanziali novità. Dalla riunione di venerdì sera, fra Rizzuto, Sindaci e Saladini, a domenica mattina poco è cambiato. Sul tavolo le pedine sono nelle medesime posizioni da giorni: c’è chi vuol comprare, la Commenda magistrale; c’è chi dovrebbe cedere ma vuol farlo alle sue condizioni, Manuele Ilari; c’è chi prova a mediare per il bene della città, i Sindaci Versace e Brunetti.

Tempi quasi nulli

I tempi ormai sono praticamente cortissimi: dopodomani c’è il Consiglio di Stato, senza un via libera oggi, i tempi tecnici per recarsi da un notaio e metter tutto nero su bianco, semplicemente, non ci sarebbero. Già una cessione oggi sarebbe tardiva: nello scenario ideale la Reggina avrebbe dovuto cambiare proprietà già a metà della scorsa settimana, dimostrando alla FIGC la discontinuità gestionale ben prima del 29 agosto.

Nessuna novità

Tuttavia sulla buona riuscita della trattativa non vi è alcun segnale. Da qualche ora sono tutti tornati nel silenzio più assoluto e non giunge alcuna indiscrezione sulla vicinanza fra le parti. Senza un colpo di scena, dunque, la Reggina andrà al Consiglio di Stato con Manuele Ilari alla proprietà: se l’imprenditore romano vincerà sarà Serie B; altrimenti si materializzerà il drammatico default per gli amaranto, che dovranno ripartire dai dilettanti. A quel punto, la società tornerà in mano a un Felice Saladini pronto ad andare alla Corte Europea chiedendo un enorme risarcimento alla FIGC.

Articoli correlati

top