EasyJet ci ricasca: promuove la Calabria con un pontile di Siderno chiuso e danneggiato

La pubblicità passa dalle pagine della blogger Federica Di Nardo che però sul posto era stata solo qualche anno fa. Ora c'è un'ordinanza che vieta di stare sotto la struttura pericolante
La pubblicità passa dalle pagine della blogger Federica Di Nardo che però sul posto era stata solo qualche anno fa. Ora c'è un'ordinanza che vieta di stare sotto la struttura pericolante
Federica Di Nardo

Easyjet ci ricasca, con una nuova gaffe sulla Calabria. E il problema è che ci riesce bene. A fatica i calabresi avevano rimosso le parole rivolte alla “terra di mafia e di terremoti” che sarebbero servite a pubblicizzare i viaggi verso la regione del Sud. Arrivano le repliche, i battibecchi, le scuse. Love & peace. No.

Easyjet non ce la fa proprio a non tornare sul luogo del delitto, in senso figurato. Rieccola in Calabria. E cosa s’inventa? La pubblicità passa dalle pagine della blogger Federica Di Nardo che, tra i tanti e meravigliosi posti da pubblicizzare, è pronta a raccontarci tutta la bellezza del pontile di Siderno, come se fosse Miami o Malibu.

Peccato che il pontile sia stato danneggiato fortemente dal maltempo; che sul posto vigili un’ordinanza della Capitaneria che vieta di stare sotto il pontile per le sue condizioni e che più di qualcuno s’interroghi sulla presenza di amianto.

Peccato anche che il servizio la bella blogger l’abbia realizzato anni fa e riciclato ora, al momento del bisogno.

Peccato che si sia persa una buona occasione per raccontare la Calabria bella.