mercoledì,Aprile 17 2024

Bronzi 50, un francobollo per celebrare la perfezione scultorea dei guerrieri

Il sottosegretario Wanda Ferro: «Le statue sono un simbolo anche di coraggio, di forza e di lungimiranza»

Bronzi 50, un francobollo per celebrare la perfezione scultorea dei guerrieri

Un bellezza svelata al mondo, un simbolo che supera i confini della Calabria: i Bronzi di Riace chiudono le celebrazioni per il 50° anniversario dal ritrovamento con l’annullo filatelico di Poste italiane.

Un ritorno è quello dei bronzi nel mondo dei francobolli perchè il primo annullo degli anni Ottanta ebbe un clamoroso successo.

La presentazione dell’annullo della serie tematica “Il Patrimonio artistico e culturale italiano”, emesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, stamane, a palazzo Piacentini. Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente, con bozzetto del Centro Filatelico della Produzione dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.

Il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro ha chiarito: «I festeggiamenti non devono finire quando si festeggiano i cinquant’anni dal ritrovamento soprattutto rispetto a una Calabria che nel mondo rimane famosa per i Bronzi di Riace, una scoperta che ha una storia indelebile ma che, secondo me, oggi ha un significato ulteriore, attraverso anche questo annullo filatelico, dopo il primo francobollo che fu fatto nel 1981 con oltre 6 milioni di emissioni. Questo francobollo rappresenta la possibilità ancora una volta di testimoniare l’importanza del patrimonio artistico culturale di questa terra, delle sue bellezze. Nello stesso tempo che sia simbolo di quell’essere combattenti eroi che il nostro tempo richiede ai tanti giovani e alle tante famiglie nella quotidianità, quindi un simbolo anche di coraggio, di forza e di lungimiranza».

La vignetta riproduce i Bronzi di Riace, due statue considerate tra i capolavori più significativi dell’arte greca del V secolo a.C., ritrovate il 16 agosto del 1972 nel fondale marino di Riace e custodite presso il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.

«Siamo molto felici di essere qui a Reggio per questa missione, era un po’ di tempo che è la regione Calabria non aveva un francobollo. Ci siamo impegnati molto con il ministero delle imprese il made in Italy che è il vero autore di questa missione, insieme alla Zecca dello Stato che ne ha curato il bozzetto, la stampa e la grafica – afferma Marco De Nicola responsabile commerciale filatelia Poste Italiane – e fine ci siamo noi, come Poste italiane che commercializziamo e promuoviamo la filatelia su tutti i territori. Quindi avere un francobollo anche in Calabria per noi è motivo di grande orgoglio. Grande riconoscimento nell’ambito della collana dedicata proprio all’eccellenza del patrimonio culturale italiano, uno dei fiori all’occhiello della della filatelia da sempre. I bronzi di Riace non potevano non più farne parte. I francobolli ormai sono dei piccoli pezzettini di carta dove all’interno viene rappresentato qualche cosa, in questo caso un’eccellenza, tante piccole eccellenze e francobolli che filatelici raccolgono, costituiscono un piccolo puzzle che appunto alla fine rappresenta l’Italia nel mondo».

Per il vicepresidente della Regione, Giusy Princi: «Quella dei Bronzi è una storia ultramillenaria che non poteva essere impressa in maniera più significativa e forte, perché attraverso questo importante francobollo andiamo a rinnovare quello che un connubio significativo tra arte, storia, cultura e si lega a quello che è realmente rappresenta una degna conclusione di un cinquantenario che ha visto protagoniste tutte quante le istituzioni nel veicolare quello che è un patrimonio è immateriale, un marcatore forte identitario della Calabria, della nostra città metropolitana ma io dico dell’Italia tutta. Perché abbiamo raccontato al mondo una Calabria che vuole ergersi, vuole rinnovarsi, vuole diventare sempre più contemporanea attraverso quella che è la sua forte identità culturale che appartiene alla Magna Grecia quindi che appartiene ai bronzi di Riace che ne sono il simbolo più significativo è più forte».

Completano il francobollo la legenda “Bronzi Di Riace 50° Anniversario scoperta”, la scritta “Italia” e l’indicazione della tariffa B. L’annullo sarà disponibile presso lo sportello filatelico dell’ufficio postale di Reggio Calabria Centro. Per l’occasione è stata realizzata anche una cartella filatelica in formato A4 a tre ante, contenente una quartina di francobolli, un francobollo singolo, una cartolina annullata ed affrancata, una busta primo giorno di emissione e il bollettino illustrativo, al prezzo di 20€.

Articoli correlati

top