martedì,Aprile 16 2024

Aeroporto Reggio, Castorina formalizza nuova richiesta per un consiglio comunale aperto

Reiterata l'istanza al presidente del civico consesso e al sindaco

Aeroporto Reggio, Castorina formalizza nuova richiesta per un consiglio comunale aperto

«Dallo scorso 1 ottobre, tramite il biglietto unico integrato nell’area dello Stretto si potrà continuare ad arrivare dal porto di Messina all’aeroporto di Reggio, nel tentativo di aggredire l’offerta turistica e comunque le esigenze che vengono dalla Sicilia rispetto alla necessità di collegarsi con il resto del mondo».

È quanto afferma Antonino Castorina, consigliere comunale di maggioranza a Palazzo San Giorgio.

«Rispetto a questo se è già in discussione al tavolo ministeriale per l’integrazione dei Trasporti nell’area dello Stretto la richiesta al governo della compensazione dei costi, suddivisa tra i tre attori e proporzionata ai prezzi nell’auspicio che si possano calmierare i costi connessi al servizio dall’altro lato è del tutto evidente che non solo bisogna fare un passo avanti rispetto alla spesa prevista dall’emendamento proposto dall’onorevole Francesco Cannizzaro ma anche su quello che è il progetto di rilancio del Tito Minniti.

In questi anni – prosegue il consigliere Castorina – si è parlato sotto tutti i punti di vista di quello che può essere il futuro del nostro scalo ma oggi vi è la necessità di mettere tutti attorno ad un tavolo della massima assise comunale che è la giusta sede preposta per tracciare una linea politica chiara con tutti su quello che si vuole e si deve fare.

Ho scritto nuovamente al presidente del Consiglio Comunale e al Sindaco – conclude Castorina – per mettere in calendario un consiglio comunale aperto con un unico punto all’ordine del giorno che è l’Aeroporto.

Su questo non solo serve fare chiarezza insieme alla regione ed al governo ma è anche un atto dovuto per l’intera città che guarda con difficoltà il fatto che gli spostamenti da Reggio Calabria e per Reggio Calabria vivono da troppo tempo difficoltà e prezzi altissimi».

Articoli correlati

top