venerdì,Luglio 19 2024

Coronavirus, il postino continua a suonare. «Ma siamo costretti a dire di no»

L'emergenza non ha fermato il lavoro dei portalettere, che hanno imparato a convivere con le nuove norme di sicurezza

Coronavirus, il postino continua a suonare. «Ma siamo costretti a dire di no»

C’era un tempo in cui i postini erano spesso bersaglio di critiche per mancate consegne o ritardi. Il coronavirus ci ha fatto riscoprire una categoria che lavora ogni giorno alacremente per garantire il ricevimento di posta. Rosamaria è una delle tante portalettere che in questi giorni di emergenza continua a lavorare per assicurare un servizio essenziale ai cittadini.

A bordo della sua Panda 4×4 percorre quotidianamente le strade dell’entroterra della provincia reggina, tra scenari naturalistici mozzafiato e mulattiere che conducono a frazioni sperdute. Ma lei non può avere nessun contatto con cittadini che conosce da anni. Così le raccomandate vengono imbucate nella cassetta delle lettere per evitare contagi. Con i destinatari un saluto a distanza e via, verso la prossima consegna. «Se prima ci si poteva scambiare una parola in più – racconta Rosamaria – dopo un caffè sempre offerto, adesso a malincuore siamo costretti a dire di no».

Fino a non molto tempo fa l’arrivo del postino nelle borgate era salutato, soprattutto per gli anziani, come un momento di festa e di evasione dalla quotidianità. Oggi in regime di restrizioni non è così. Ma il loro stile di vita, isolato dal resto del mondo, rispetto a un mese fa è cambiato poco. «Cerchiamo di mantenerci all’interno delle nostre proprietà – spiega Teresa che vive a Stefàno, nella frazione Ursini di Caulonia – altro non possiamo fare». Vincenzo dall’alto della sua casa può godere di un panorama stupendo, ma ha i figli lontani e una moglie malata. «Ammazzo il tempo lavorando la terra e prendendomi cura delle mie galline – sostiene – Qui il rischio contagio e minimo, ma mi piacerebbe presto riabbracciare i miei ragazzi». Sull’altra sponda del torrente Amusa c’è chi, come suor Renata, continua il suo lavoro da eremita dentro il piccolo eremo della querce, tra preghiera e lavoro con le icone. «La settimana scorsa, insieme ad altre consorelle, ci siamo impegnate a preparare un dolce pasquale che abbiamo distribuito a tutte le famiglie della vallata, che hanno gradito il pensiero e si sono sentite incoraggiate e meno sole».

Articoli correlati

top