martedì,Aprile 23 2024

A Locri il tuffo a mare con la dodicesima edizione del Cimento invernale

Iniziativa promossa dall'associaizone Zephyria, da Salvamento Locride Mare e da ArtInMovimento. Appuntamento sul lungomare lato Sud, martedì 26 dicembre alle ore 11.40

A Locri il tuffo a mare con la dodicesima edizione del Cimento invernale

Come da tradizione, l’associazione Zephyria, nella figura del suo presidente, Annunziato Gentiluomo, la realtà associativa Salvamento Locride Mare, attraverso il suo direttore di sezione, Giuseppe Pelle, e l’università Popolare ArtInMovimento Aps grazie alla sensibilità del suo vicepresidente Giulio Gentiluomo, propongono la dodicesima edizione del Cimento invernale della Locride. Appuntamento martedì 26 dicembre 2023 in corrispondenza di piazza Nosside del Lungomare di Locri, alle 11.40.

Il cimento invernale è un semplice tuffo in mare d’inverno a cui possono partecipare tutti, dai bambini agli anziani e la sua storia è legata al mondo del nuoto. La sua evoluzione lo ha convertito in un rituale dagli interessanti effetti benefici, collocandosi, a pieno titolo, fra le pratiche di benessere globale.

I partecipanti al Cimento invernale della Locride, patrocinato dal Comune di Locri, dopo un momento di socializzazione e di ascolto corporeo, alle ore 12.00, in punto, si immergeranno nelle acque del mar Jonio per il tempo che ciascuno stabilirà, anche se sarebbe opportuno fossero almeno cinque. L’iniziativa è inserita nel circuito de “I cimenti invernali di nuoto” a livello nazionale.

«Continuiamo a impegnarci in questa iniziativa dopo il grande successo dello scorso anno. Ci crediamo e siamo certi che l’accoglienza dei nostri sostenitori e dei curiosi certamente non mancherà. Vediamo in quanti si cimenteranno, sfidando le fredde acque del nostro mare. Molto dipenderà dal tempo e anche dal desiderio di mettersi in gioco. Garantisco sui benefici della pratica»afferma Annunziato Gentiluomo.

«Le previsioni sono buone: una condizione che può rendere appetibile il tuffo. Il nostro sole e il nostro mare sono risorse importanti per la Locride che potrebbe diventare il centro di pratiche di elioterapia e imporsi per questo a livello nazionale», sottolinea Giuseppe Pelle.

«Dopo gli innumerevoli inviti di mio fratello, dall’anno scorso anche io ho preso parte al bagno e devo dire che è stata un’esperienza veramente fantastica, che ripeterò senza dubbio. Si crea tra i partecipanti una magia: è un’energia che ti spinge a non tirarti indietro. Lo consiglio vivamente», conclude Giulio Gentiluomo.

Articoli correlati

top