martedì,Aprile 23 2024

A Bova Marina la premiazione del concorso “Il sapere circolare delle minoranze storico – linguistiche calabresi”

Sul podio studenti e studentesse del istituto comprensivo Montebello Jonico– Motta San Giovanni plesso di Saline Joniche e della scuola primaria di Gioiosa Marina

A Bova Marina la premiazione del concorso “Il sapere circolare delle minoranze storico – linguistiche calabresi”

«Il Tempio della Musica di Bova Marina, è avvenuta la premiazione relativa al primo concorso “Il sapere circolare delle minoranze storico – linguistiche calabresi”, nell’ambito del progetto Filica organizzato dall’amministrazione Comunale di Bova Marina. Presenti alla manifestazione il sindaco onorevole Saverio Zavettieri, l’assessore Francesco Plutino che ha organizzato e curato il progetto e l’assessore Elvira Tuscano. Nei saluti iniziali il sindaco ha ringraziato i ragazzi partecipanti al concorso e complimentato per la numerosa partecipazione sottolineando che sono loro i veri protagonisti della serata». È quanto si legge in una nota stampa.

«Ha introdotto la serata il presidente della commissione giudicatrice professore Pasquale Casile, che ha invitato i ragazzi a riscoprire le loro radici e le loro origini, guardando al mondo magnogreco apparentemente distante, ma a loro tanto vicino. L’evento rivolto alle scuole dell’area grecanica, ha avuto un gran numero di partecipanti. Gli studenti hanno accolto con entusiasmo la proposta del concorso che richiedeva l’adozione di un motto occitano, greco – calabro e arbereshe, la motivazione della scelta e un ‘originale attualizzazione del significato dei proverbi, che racchiudono esperienze di vita, tradizioni e valori condivisi”. Gli studenti hanno ringraziato il Comune di Bova Marina per l’opportunità offerta di avvicinarsi a lingue sconosciute e lontane che riflettono la ricchezza culturale delle minoranze linguistiche.

Si è riscontrata grande partecipazione degli alunni della scuola secondaria dell’Istituto Comprensivo Montebello Jonico– Motta San Giovanni plesso di Saline Joniche guidati dalle docenti: professoressa Panzera Ornella, professoressa Rappoccio Francesca e dalla professoressa Zampaglione Tiziana.  Vincitori premiati durante la serata: al terzo posto gli studenti della Scuola Primaria di Gioiosa Marina che hanno composto una poesia relativa al motto dialettale “L’abitu non faci u monacu. L’abito non fa il monaco”, al secondo posto Domenico Sicoli studente dell’istituto comprensivo Montebello Jonico– Motta San Giovanni plesso di Saline Joniche con il motto “Me vra ga mia nje fiaie. Mi hai ucciso con una parola”, al primo posto ex aequo gli studenti Fallara Matteo e Romeo Giovanna con l’analisi e l’attualizzazione del motto “La fremo lei lou coulme de la memeizoun La donna è il pilastro della casa” e Asia Mangiola con il motto “I glòssa stèa den èchi ma stèa clànni. La lingua non ha ossa ma rompe le ossa”.

Gli studenti sono stati premiati per l’originalità, la profondità con cui hanno attualizzato i motti prescelti. A concludere la serata l’intervento musicale curato dalla piccola talentuosa Delia Traclò, partecipante all’ultima edizione dello Zecchino d’oro, che ha allietato i presenti in sala con la sua voce, regalando un momento ricco di emozioni uniche e irripetibili.  Per ultimo, l’intervento di Santo Palumbo, comico di Zelig, ha regato a tutti gli spettatori grandi e piccini, sorrisi e gioia». Così conclude la nota stampa.

Articoli correlati

top