venerdì,Maggio 24 2024

Università in Calabria, Gratteri: «Con 3 facoltà di Giurisprudenza prepariamo passaporti per andarsene»

Per il procuratore la ‘ndrangheta si combatte investendo sui giovani e rilancia: «Non basta Agraria si pensi alla facoltà per il turismo»

Università in Calabria, Gratteri: «Con 3 facoltà di Giurisprudenza prepariamo passaporti per andarsene»

«Quando si dice ai giovani di rimanere in Calabria è una bufala. Parliamo di un territorio dove, con meno di 2 milioni di abitanti, già ci sono tre facoltà di Giurisprudenza e a 3 km di mare c’è la quarta. È ovvio che stai preparando il passaporto per migliaia di giovani laureati».
Questa è l’amara conclusione del procuratore Nicola Gratteri che, chiamato a parlare del futuro di una terra ancora tristemente legata a una mentalità di tipo ‘ndrnaghetistico, vede nei giovani l’unica possibilità di riscatto. Ma non è a loro che chiede un senso di responsabilità.

La politica

«Non posso pensare, non posso accettare che un amministratore o politico regionale o nazionale possa delegare la gestione della cosa pubblica da altri. Non sopporto che si dia la colpa ad altri. Se tu sei impegnato e hai un ruolo e una funzione, seppur limitata, devi prendere posizione. Non ti devi arrendere. Devi fare squadra e rete. Prendere posizione e chiedere di cambiare le cose».

Sistema universitario

E per Gratteri le cose in Calabria dovrebbero cambiare a partire proprio dal sistema universitario. Scelte che negli anni non hanno organizzato un’offerta formativa accattivante e allo stesso tempo utile per investire i talenti sul territorio.
«In questa regione si laureano ogni mese oltre 300 in giurisprudenza. Qualcuno diventa magistrato o notaio tutto il resto possono fare concorsi nell’Inps o nelle forze dell’ordine, alla prefettura. E quindi destinati ad essere migranti con la laurea. Io penso che bisogna cercare di modellare, di cambiare l’offerta formativa. Meno male che c’è una facoltà di Agraria a Reggio Calabria. Non si è pensato a una facoltà per il turismo in Calabria. Bisogna intervenire anche nel fare programmazione formativa e dare delle opportunità per programmare nei prossimi vent’anni il futuro della Calabria perché così com’è impostato sul piano dell’offerta formativa vuol dire creare solo passaporti per andarsene dalla Calabria».

Articoli correlati

top