martedì,Maggio 21 2024

Consiglio comunale Reggio, Calabrò sull’uscita dal Piano di rientro: «Traguardo di cui essere tutti fieri»

L’intervento dell’assessore al Bilancio dopo l’incontro con i magistrati contabili. Nei preliminare Versace striglia i dirigenti e Ripepi ne approfitta: «Politica non autorevole»

Consiglio comunale Reggio, Calabrò sull’uscita dal Piano di rientro: «Traguardo di cui essere tutti fieri»

Stamattina in consiglio comunale solo “un adempimento formale”. Così chiarisce Irene Calabrò, in riferimento alla delibera della Corte dei conti che, aggiunge «non deve essere considerato un adempimento tecnico. Non lo volete chiamare vittoria, ma è un dato di fatto. La Corte dei conti ha pronunciato e definito l’esito dei controlli. Ha raccomandato quella di fare misure correttive per l’accertamento della riscossione. Dietro a questo dispositivo ci sono dieci anni di lavoro. Il sindaco e la giunta dell’epoca hanno valutato le conseguenze. Il bilancio non è della maggioranza ma è un bene comune. Se si fanno delle scelte non si fanno per la convenienza. Dopo la scelta è iniziato un percorso. Con Armando Neri, precedente assessore al Bilancio, non ho avuto il piacere di confrontarmi ma non ho mai negato il contributo di alcuno. Di questo traguardo dobbiamo essere tutti fieri. Non era scontato perché la Corte dei conti ci ha sempre incalzato, con delibere istruttorie».

I lavori consiliari

All’ordine del giorno sono previsti 9 punti. Il primo punto, come chiarito, la comunicazione della trasmissione del dispositivo di deliberazione della Corte dei conti – sul piano di riequilibrio finanziario del comune. Poi del nuovo tribunale con la “Rettifica e integrazione delibera cc n. 50/2022 – accettazione cessione gratuita e costituzione diritto di superficie nuovo palazzo di giustizia”; Teatro Cral enal di Gallico – dichiarazione ai sensi e per gli effetti del comma 5 dell’art.31 del dpr 380/2001, “esistenza di prevalenti interessi pubblici dell’opera”.

Previsto poi il riconoscimento debito fuori bilancio condominio Caracciolo – oneri condominiali anno 2016 -2017 -2018; 5. riconoscimento debito fuori bilancio per “Lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza di alcuni tratti di strada in frana nelle località Mosorrofa, Gallina ed altre”.

In consiglio torna anche uno dei punti rinviati ossia le “Modifiche al regolamento per l’organizzazione ed il funzionamento del consiglio comunale e delle commissioni consiliari”.

Prevista al settimo punto la mozione “Politiche degli alimenti per un consumo consapevole e giusto. All’ottavo la mozione “Accoglienza sicura” e infine la. mozione “Iniziativa a favore degli ex percettori di mobilità in deroga”.

La strigliata di Versace ai dirigenti

Nei lavori preliminari la strigliata, l’ennesima, nei confronti dei dirigenti comunali da parte di Carmelo Versace che denuncia «l’assenza totale dei dirigenti. Gli atti li fanno i dirigenti, non agli assessori. Sono loro che condizionano la vita dei cittadini. Non è la politica ma sono i dirigenti che devono predisporre gli adempimenti che poi saranno a disposizione della politica. Ci sono cose che esulano dagli atti che un assessore o un consigliere devono fare».

«È la politica che non è autorevole per dare un imprinting alla macchina politica – risponde Massimo Ripepi –. E la politica non ha mai preso un provvedimento su questa situazione che state sollevando. Tu dall’altra parte stai facendo discretamente ma noi siamo rovinati. Voi non siete credibili. Siete inaffidabili perché avete approvato un codice etico e lo state disattendendo. Io non l’ho votato perché era un atto di ipocrisia palese».

Sempre nei preliminari è il capogruppo di Fratelli d’Italia Demetrio Marino a sottolineare che «dal punto di vista formale manca una relazione annuale del sindaco. Il previsionale 2023 come lo facciamo e come si fa il controllo sui settori se non abbiamo la base di partenza?».

Articoli correlati

top