sabato,Maggio 18 2024

Rifiuti, Castore, Mortara, Aeroporto e Reggina: i problemi della città finiscono nell’anticamera del Consiglio

L'assise cittadina comincia con quasi due ore di ritardo tra polemiche e recriminazioni. Il consigliere Versace sugli amaranto: «Fino al due agosto dobbiamo stare in silenzio, perchè c'è un rischio molto più alto di perdere una categoria»

Rifiuti, Castore, Mortara, Aeroporto e Reggina: i problemi della città finiscono nell’anticamera del Consiglio

Inizia con quasi due ore di ritardo alle 20 il consiglio comunale a Reggio Calabria per l’approvazione del Dup e del bilancio previsionale.

Antonino Minicuci sottolinea il ritardo e chiarisce che «nella seconda seduta si inizia all’orario fissato senza tolleranza». Nei preliminari Filippo Quartuccio chiede e ottiene un minuto di silenzio per la scomparsa di Otello Profazio.

Primo intervento di Massimo Ripepi: «È molto grave fare aspettare due ore i cittadini – afferma in partenza – in aula ci sono i lavoratori di Castore che sono preoccupati, precariato di una parte dei lavoratori che non sono stati stabilizzati. Sono stati messi fondi ma non bastano. Se soffre una società in house, cioè del Comune, il resto del sistema come sta? La loro presenza qui testimonia che i problemi atavici non sono stati risolti». Ripepi sottolinea che c’è un’emergenza idrica, con interi rioni privi di acqua e che a Mortara c’è un’emergenza rifiuti. «C’è una incidenza di malattie oncologiche altissime» sottolinea. «Plauso a Minasi che ha chiesto una verifica sul bilancio». E infine sulla Reggina: «Ve la siete presi con la Fgic ma il problema è un altro: la Reggina è un società privata, ma non può essere considerata come una normale società tale perchè lavora nel nostro territorio, chiede garanzie, ha lavoratori sul territorio. Hanno fatto promesse e nessuno ha chiesto spiegazioni- ai sindaci dice – aveva responsabilità dovete farvi dare spiegazioni».

Carmelo Versace torna su Castore: «Gli impegni sono stati mantenuti, rispetto alle indicazioni ricevute. Non vuol dire che va tutto bene. Faccio un ammonimento ai dirigenti perchè se oggi i lavoratori non ricevono lo stipendio è perchè abbiamo impiegato un anno per far sì che la macchina amministrativa camminasse e perchè la società ricevesse il contributo. Spero che tra qualche giorno si possa chiudere la procedura con atto di giunta».

Sulla questione aeroporto denuncia « Ci dicono siamo pronti, ma non abbiamo ricevuto alcun invito. Ben venga l’eliminazione delle limitazioni. Ma bisogna evitare di chiedere aperture perchè Metrocity è stata sempre disponibile. Ora tutti devono prendere posizione. Ci è stato annunciato un incontro col ministro Salvini, se non dovesse arrivare in tempo congruo, quella pagina sarà cancellata. Per la Reggina dico che fino al due agosto dobbiamo stare in silenzio, perchè c’è il rischio che è molto più alto di perdere una categoria. Chi doveva parlare non ha parlato. Due sindaci non possono sbattere pugni sui tavoli ministeriali erano altri che dovevano farlo. Dal 3 agosto si può chiedere conto a chi ha sbagliato. Fino ad allora non possiamo mostrare più fragilità».

Scarica le responsabilità su Arical. «Sono 8 mesi che la gestione rifiuti è sotto la Regione Calabria. C’era stato un netto miglioramento, oggi ci troviamo con le discariche in giro e non ci fanno scaricare a Sambatello, ma invece a Cosenza e Lamezia».

Antonino Minicuci saluta segretario generale. E torna sulla denuncia della Minasi: «Come partito sollecitiamo la richiesta di controlli ministeriali alla luce di quello che abbiamo visto non solo per il rendiconto. Abbiamo la preoccupazione perchè qui le leggi non si rispettano». Per l’aerporto dobbiamo puntare alla classificazione di scalo strategico nazionale. E poi aggiunge fate voi una richiesta ai parlamentari locali per fare un consiglio. Lo chiediamo dal 2021».

Chiede Pazzano: «Che il sindaco o un suo delegato che si attivi per capire a ch punto è il catasto incendi di Reggio».

Articoli correlati

top