martedì,Aprile 16 2024

Inchiesta Blu notte, ecco come i Bellocco imponevano il pizzo agli agricoltori tra Rosarno e Vibo

L'attività della Dda di Reggio Calabria ha fatto emergere i nuovi assetti e i traffici illeciti del potente clan

Inchiesta Blu notte, ecco come i Bellocco imponevano il pizzo agli agricoltori tra Rosarno e Vibo

di Vincenzo Imperitura – I “diritti” di guardiania e le creste sulle compravendite dei terreni, il censimento dei lotti da taglieggiare e i danneggiamenti a quelli che non vogliono pagare. Come anacronistici signorotti feudali, i Bellocco pretendevano di gestire i territori agricoli che consideravano di loro competenza avanzando ai reali proprietari pretese assurde.

Mazzette annuali, pizzo sulle alienazioni, percentuali di creste calcolate in base agli ettari posseduti: nella contrada Romano, scrigno agricolo della Rosarno che guarda verso Vibo, i Bellocco pretendevano di controllare ogni aspetto delle attività produttive legate alla terra. I particolari sono emersi nell’inchiesta coordinata dalla procura antimafia di Reggio Calabria denominata Blu notte, che ha portato all’arresto 63 persone, 47 in carcere e 16 ai domiciliari.

Continua a leggere su LaCNews24.it

Articoli correlati

top