martedì,Febbraio 27 2024

Ponte sullo Stretto, Saccomanno (Lega): «Chi non lo vuole spinge il Sud a restare nel degrado»

Il commissario regionale: «Da opera 30 miliardi significherà lavoro, sicurezza, velocità, impieghi, salute, adeguatezza ambientale. Insomma, un futuro migliore»

Ponte sullo Stretto, Saccomanno (Lega): «Chi non lo vuole spinge il Sud a restare nel degrado»

«Ormai il Ponte sta per diventare una realtà. Il percorso voluto dal Ministro Salvini si sta concretizzando e, quindi, l’operazione si potrà concludere nei termini prefissati, con apertura dei cantieri nell’estate 2024». Così in una nota, il commissario regionale della Lega in Calabria, Giacomo Francesco Saccomanno.

«Una grande opera – aggiunge Saccomanno – che attrarrà sia operatori tecnici che tanti turisti. Un intervento strategico che porterà all’Italia lavoro, investimenti e sostenibilità. Per milioni di cittadini calabresi e siciliani, come per tutti gli italiani, il Ponte significherà lavoro, sicurezza, velocità, impieghi, salute, adeguatezza ambientale. Insomma, un futuro migliore.

Dopo cinquant’anni di chiacchiere e tante promesse non mantenute, grazie alla Lega e al Governo attuale, si passerà dalle parole vuote ai fatti concreti, che comprendono anche 30 miliardi di investimenti su strada, autostrade e ferrovie sia in Calabria che in Sicilia. Chi non vuole il Ponte – sostiene ancora il commissario leghista calabrese – o è cieco oppure spinge per mantenere il Sud nell’attuale degrado e con un divario che con i no non si potrà mai eliminare. Solo con grandi opere si potrà dare al Sud quelle infrastrutture che altrimenti non ci saranno mai. Tutto ciò grazie alla Lega ed al suo capitano Matteo Salvini».

Articoli correlati

top