martedì,Aprile 16 2024

Reggio, la scuola Boccioni di Gallico sarà demolita e ricostruita e intanto ospita migranti

Contemplato in Agenda Urbana, l'intervento è finanziato con tre milioni di euro del Por Calabria. Nel frattempo, con il coordinamento Croce Rossa, la palestra continua ad accogliere

Reggio, la scuola Boccioni di Gallico sarà demolita e ricostruita e intanto ospita migranti

Dismessa da anni, con la palestra adibita a centro di accoglienza temporaneo (in passato non sempre solo temporaneo) per migranti. Presto la struttura che ospitava la scuola media Boccioni di Gallico (di via Casa Savoia) tornerà ad essere un edificio scolastico. Prosegue il complesso iter burocratico che ha fatto i conti con una nuova fonte di finanziamento.

Non più la devoluzione dei mutui della Cassa Depositi e Prestiti e risorse del Miur poi revocate. Oggi il Por Calabria Fesr/Fse 2014/2020. Il precedente stanziamento ammontava a un 1 milione e 742mila euro. Oggi la possibilità di spesa aumenta fino a 3 milioni di euro.


L’intervento, in ambito di Agenda Urbana della Città di Reggio Calabria, reca la denominazione di “Adeguamento/miglioramento sismico (con demolizione e ricostruzione) e successivi lavori di rifunzionalizzazione con interventi edilizi ed impiantistici della scuola media Umberto Boccioni ubicata in via Casa Savoia, località Gallico di Reggio Calabria.

Presto di nuovo una scuola

La palestra del plesso in questione da anni è adibita a centro di accoglienza provvisorio di migranti. Quando l’iter sarà maturo per l’avvio dei lavori bisognerà pensare ad un’altra soluzione, invano cercata in questi anni da Comune e Prefettura di Reggio Calabria.

Prosegue l’iter burocratico per l’adeguamento sismico (con demolizione e ricostruzione). L’intervento contempla anche i successivi lavori di rifunzionalizzazione con interventi edilizi ed impiantistici della scuola di via Casa Savoia Dunque la struttura tornerà presto alla sua destinazione originaria per volontà della stessa Amministrazione comunale.

Adesso un punto di transito per migranti

Dallo scorso ottobre non approdano migranti al porto di Reggio. Prosegue, tuttavia, l’attività del centro di transito allestito nella palestra della dismessa scuola media Boccioni di Gallico. I migranti, infatti, continuano ad arrivare. A Lampedusa ieri, nonostante il mare agitato, sono approdati due barconi con a bordo un centinaio di migranti. Con una capienza che non supera i 350 posti, l’attività di accoglienza a Gallico non si è comunque mai fermata.Qui si attendono del destinazioni indicate da Viminale.

«Nel mese di dicembre siamo arrivati a anche ad accogliere fino a 150 migranti ma sempre per pochi giorni. Gallico è un centro di transito, in cui si arriva in attesa di trasferimento. Adesso sono rimasti in pochi ma certamente, appena le condizioni meteo miglioreranno, ci saranno altri arrivi soprattutto da Lampedusa e Porto Empedocle e anche da Roccella. Al momento, non sbarcando più al porto di Reggio, arrivano da fuori e sono sempre di passaggio. Qui attendono nuove destinazioni. Siamo impegnati come da mission a creare le migliori condizioni possibili e ad accogliere in luoghi sicuri queste persone in condizione di vulnerabilità. Con le varie ong impegnate in questo delicato ambito siamo presenti per aiutarli e supportarli. Stiamo per firmare, sempre nell’accordo dell’accordo quadro nazionale, la convenzione per tutto il 2024». È quantto ha spiegato Daniela Marcella Dattola, presidente del comitato Croce Rossa Italiana di Reggio Calabria.

Articoli correlati

top