giovedì,Giugno 20 2024

Aeroporti Calabria, intesa tra Sacal e sindacati per l’accordo integrativo

Cgil, Cisl, Uil e Ugl salutano con soddisfazione la «storica» firma che prevede per il personale premialità ci circa mille euro

Aeroporti Calabria, intesa tra Sacal e sindacati per l’accordo integrativo

A seguito di una intensa e lunga trattativa, caratterizzata da un «costruttivo confronto» tra Sacal e le organizzazioni Sindacali, giovedì 13 aprile è stato firmato un accordo di secondo livello, che le parti hanno deciso di sottoporre a referendum confermativo.

A darne notizia una nota congiunta di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl-Ta, che informano come tutti i lavoratori del gruppo Sacal Spa e Sacal GH sono stati chiamati ad esprimersi, ed hanno accolto favorevolmente il contenuto del contratto integrativo di secondo livello, votando a maggioranza assoluta.

«L’intesa raggiunta, che riguarderà tutto il personale degli scali di Lamezia Terme, Reggio Calabria e Crotone, prevede una premialità totale di circa 1.000 euro cadauno, avrà la durata di un anno, in attesa del rinnovo del CCNL di comparto e salvo previsioni migliorative».

L’accordo – evidenziano i sindacati – segna l’inizio di un percorso che ha come obiettivo il miglioramento, sia dal punto di vista economico che produttivo dell’intero comparto del trasporto aereo calabrese.

Il contenuto della contrattazione, che mira a premiare la meritocrazia e rendere i servizi più efficienti, allo scopo di favorire la partecipazione nei processi aziendali, prevede «il riconoscimento di un welfare sanitario che garantirà, per un importo superiore a quello attuale, maggiori prestazioni sanitarie e più strutture territorialmente convenzionate; screening sanitari gratuiti; coaching alimentare; misure promozionali per il benessere psicofisico dei lavoratori; borse di studio per i figli meritevoli dei dipendenti; premi aziendali in flexible benefit caratterizzati da criteri di produttività; aumento del ticket mensa, ed inoltre un piano di pensionamenti atto ad incentivare i lavoratori che ne abbiano i requisiti».

Le trattative che negli ultimi mesi hanno visto impegnate le OO.SS. e la Sacal hanno portato al raggiungimento non solo della firma dell’accordo di secondo livello, bensì hanno «garantito l’occupazione del personale stagionale che storicamente è stato impegnato nelle attività aeroportuali dello scalo di Lamezia, attraverso un bando pubblico nel rispetto delle normative vigenti».

Le OO.SS. riconoscono «gli sforzi compiuti dall’Amministratore Unico Sacal Marco Franchini, ed esprimono soddisfazione per i risultati raggiunti che mostrano attenzione nei confronti dei lavoratori, sintomo inequivocabile di un positivo cambiamento rispetto al passato».

Articoli correlati

top