lunedì,Giugno 24 2024

Ponte sullo Stretto, l’Ue ora cofinanzierà gli studi con risorse «minime»

Il progetto compare nelle mappe interattive solo come “idea di studio”, ma la Lega preme per vederlo incluso ufficialmente nel Corridoio Scandinavo-Mediterraneo

Ponte sullo Stretto, l’Ue ora cofinanzierà gli studi con risorse «minime»

di Pablo PetrassoPat Cox, che per l’Ue coordina la Rete transeuropea di trasporto (Ten-T) del Corridoio Mediterraneo-Scandinavo, secondo quanto riportato dall’Ansa, ha spiegato che le uniche risorse per il Ponte sullo Stretto che potrebbero arrivare per ora da Bruxelles sono quelle di un co-finanziamento al 50% per gli studi di preparazione e aggiornamento del progetto per la costruzione dell’opera. Eppure circa un anno da Matteo Salvini, in un’intervista al Gazzettino, esibiva l’Europa come il proprio alleato più autorevole nella corsa verso quella che considera l’opera-bandiera del proprio ciclo da ministro delle Infrastrutture.

Una «minima parte» di fondi per una mega struttura che muoverà decine di miliardi di euro. Cox è ancora più chiaro e spiega che per accedere agli strumenti di finanziamento riservati ai collegamenti nel Continente «il progetto dovrà entrare a far parte» di quegli strumenti. Insomma, «quello che possiamo fare per ora è solo il cofinanziamento degli studi». Sarà pure vero che ce lo chiede l’Europa, come sostiene Salvini, ma di certo lo fa in maniera piuttosto tiepida e in quanto ad aiutare l’Italia a realizzarlo si vedrà, studi di progettazione a parte.

Continua a leggere su LaCNews24.it.

Articoli correlati

top