venerdì,Giugno 21 2024

Bronzi di Riace, spenti i riflettori sul 50esimo: tutto fermo per la candidatura all’Unesco

Dopo l'anno di festeggiamenti non è stato ancora costituito il tavolo tecnico

Bronzi di Riace, spenti i riflettori sul 50esimo: tutto fermo per la candidatura all’Unesco

Il 2022, l’anno che doveva servire a festeggiare il cinquantesimo dal ritrovamento dei Bronzi di Riace è finito. E le luci si sono spente sugli eventi che avrebbero dovuto proseguire anche nel 2023. E anche sui Bronzi, cosa resterà dopo i festeggiamenti? Sicuramente i tanti libri celebrativi che hanno fatto più che altro la gioia degli autori. Per il resto l’occasione di portare il nome delle due statue nel mondo è passata.

Il docufilm

Aspettiamo l’uscita del docufilm sui bronzi prodotto dalla Palomar, speranzosi del fatto che la regia del reggino Fabio Mollo possa restituire un’immagine delle due statue che possa colpire e fare innamorare chi ancora non le conosce. Le riprese sono cominciate nel mese di novembre, proprio dal museo di Reggio.

Il restauro

Belli e fragili, non sono mai in salvo: la salute dei due guerrieri di Riace non deve passare in secondo piano. Ci tocca ricordare nuovamente che, da più parti, dagli addetti ai lavori, è arrivato l’invito ad un check up sulle due statue perchè, ricordiamo, sono passati dieci anni dall’ultimo restauro. I bronzi in orizzontale non sono uno spettacolo capace di restituire ai visitatori la loro grandiosità e unicità.

Il cammino per l’Unesco

Che le due statue abbiano le caratteristiche per diventare patrimonio dell’Unesco è chiaro. Ma cosa è stato fatto finora? «È necessario un percorso di candidatura che deve essere supportato da più attori e soggetti istituzionali, oltre che dall’intero territorio calabrese. Questo percorso mira a dimostrare quanto i Bronzi di Riace siano significativi e rappresentativi, e non solo per la regione in cui sono stati rinvenuti e in cui sono ospitati e collocati. Il valore dei Bronzi di Riace va ben oltre, e la speranza è che venga riconosciuto a livello internazionale».

Queste le parole del sito ufficiale di Bronzi 50. Il primo passo, che non è stato ancora fatto nonostante le buone intenzioni, è quello di costituire un tavolo tecnico per stabilire le priorità e iniziare un cronoprogramma. Senza dimenticare che la candidatura dei Bronzi è l’unico modo per riproiettare la città di Reggio nel futuro e consegnarla alla storia insieme a tutto il suo territorio.

Articoli correlati

top