martedì,Novembre 29 2022

Noto avvocato reggino positivo al Covid: «Senza vaccino sarebbe stata dura»

Il legale, vaccinato con doppia dose Pfizer, ha scoperto di essere positivo: solo pochi sintomi e la possibilità di tornare subito sulle carte grazie alla copertura vaccinale

Noto avvocato reggino positivo al Covid: «Senza vaccino sarebbe stata dura»

«Benché doppiamente vaccinato (Pfizer) già dallo scorso mese di maggio, mercoledì 25 agosto mi sono sottoposto a tampone rapido, il cui esito, ahimè positivo, è stato confermato dal tampone molecolare due giorni dopo: tutto perfettamente in linea con un’estate non tra le migliori! Non ero e non sono nemmeno adesso nelle condizioni di capire se sia conveniente o meno fare il vaccino».

Questo lo sfogo di un noto avvocato reggino che, nonostante la vaccinazione, ha nuovamente contratto il virus. «Posso solo dire che a fronte di un contagio che ancora adesso non riesco a spiegarmi, ho manifestato i sintomi classici dell’infezione ed in una sola occasione (la notte tra il 24 ed il 25 agosto) ho registrato uno stato febbrile di scarsissima significatività (37,6). Sto decisamente bene sin da subito, e per questo rivolgo il mio sentito ringraziamento al dott. Nino Pignataro, che mi segue con grande competenza mista a non comune umanità.

È ancora per moltissimi versi sconosciuto, il mondo covid, ma, da buon ultimo tra i profani, penso di poter dire che in assenza di vaccino le cose si sarebbero presentate in tutt’altro modo e non sarei stato nelle condizioni di riprendere a studiare le mie carte in vista di delicati impegni professionali ormai prossimi.

top