domenica,Febbraio 5 2023

Reggio, presto sopralluogo di Arpacal nell’ex fabbrica di agrumi Vilardi

Abbandono di ex capannoni industriali e fusti e degrado a San Giorgio extra. Il dipartimento reggino con Comune e curatori eseguirà un sopralluogo

Reggio, presto sopralluogo di Arpacal nell’ex fabbrica di agrumi Vilardi

Nessun coinvolgimento diretto nella questione ma solo informazioni per conoscenza, per l’Arpacal, Agenzia regionale Protezione Ambiente della Calabria. Un sopralluogo congiunto con Comune e curatori è stato adesso programmato e dovrebbe avere luogo nel mese di novembre.

Torniamo a parlare degli oltre due ettari di terreno dove un tempo sorgeva la fabbrica di agrumi della famiglia Vilardi.

Oggi fusti abbandonati dal contenuto mai controllato e degrado deturpano il popoloso quartiere di San Giorgio Extra nel cuore della zona Sud di Reggio Calabria.

Il degrado ambientale

Dopo la dismissione negli anni Novanta dei capannoni industriali e l’acquisizione quasi completa da parte della Immobiliare San Giorgio srl, numerose e complesse vicende giudiziarie ancora non concluse hanno coinvolto la vasta zona.

Attualmente sottoposta ad amministrazione giudiziaria, l’area è gravata da ipoteche, pignoramenti e sequestri.

Le nostre denunce

Il Reggino.it ha più volte denunciato lo stato di abbandono e le mancate caratterizzazione del contenuto fusti e bonifica dell’area.

Il dipartimento Arpacal da noi sollecitato ha risposto che «sull’ex insediamento industriale Vilardi nel quartiere San Giorgio di Reggio Calabria il Dipartimento reggino ad oggi è stato attenzionato solo per conoscenza, insieme agli altri enti territoriali interessati, da una serie di corrispondenze tra gli amministratori giudiziari del sito ed il comune di Reggio Calabria senza mai essere direttamente investiti sulla questione in oggetto».

L’iniziativa dell’Arpacal

Poi l’Agenzia regionale Protezione Ambiente della Calabria annuncia un’iniziativa per avviare un’attività di approfondimento.
«A seguito di un interessamento diretto di questo ufficio con il comune di Reggio Calabria si è programmato un sopralluogo congiunto con i curatori al fine di definire tutte le attività da intraprendere da parte dei curatori stessi».

top