martedì,Novembre 29 2022

‘Ndrangheta a Milano, a gestire l’organizzazione era una donna: «Faccio io le regole, sono cattiva»

Le minacce di Caterina Giancotti, finita in carcere con l'accusa di avere avuto un "ruolo di organizzatore" nel clan di Rho

‘Ndrangheta a Milano, a gestire l’organizzazione era una donna: «Faccio io le regole, sono cattiva»

«Vuoi che divento cattiva ed io divento cattiva. Non me ne frega un c.., se no ti taglia la testa». E ancora “Adesso mi sono rotta il c… (…) le regole le faccio uguali per tutti io».

Queste le minacce usate da Caterina Giancotti, 45 anni, finita in carcere oggi e accusata di avere avuto un «ruolo di organizzatore» nel clan della ‘ndrangheta di Rho, nel Milanese, come emerge dalle intercettazioni contenute nelle oltre 1300 pagine di ordinanza cautelare a carico di 49 persone, eseguita dalla Squadra mobile e firmata dal gip Stefania Donadeo.

Giancotti, stando agli atti, sarebbe stata «persona di estrema fiducia di Bandiera Cristian Leonardo», figlio dello storico boss Gaetano, e lo avrebbe aiutato «negli atti di intimidazione e nelle estorsioni, nel traffico di armi, nel commercio della sostanza stupefacente, sino a sostituirlo, in assenza di quest’ultimo, con potere decisionale».

Nello specifico nel recupero crediti e nel traffico di cocaina. Il suo ruolo è aumentato «nel periodo tra il 23 ottobre e il 1° novembre 2020» in occasione «dell’assenza” di Cristian Bandiera, «ristretto all’interno del carcere di Bollate, poiché posto dall’Amministrazione Penitenziaria in quarantena fiduciaria».

A quel punto, la donna lo ha «sostituito» nella gestione «delle attività illecite, coordinando» anche «i sottoposti”»Antonio Procopio e Alessandro Furno, che avevano in lei «il loro punto di riferimento».

A un debitore, ad esempio, diceva: «io non ti lascio tranquillo, perché oggi li devi portare». Spesso, si legge ancora, assumeva «la parte di intermediario per evitare conseguenze negative da parte di Bandiera» e diceva a chi doveva pagare frasi come queste: «Poi va a finire che uno perde la pazienza e si finisce a litigare e io voglio evitare».

Articoli correlati

top